VENTICINQUEaPRILE…(comunicato ANPI Valcesano e Squola Spa)

25 APRILE, NON SOLO UNA RICORRENZA

Ci sono molte buone ragioni per essere qui, numerosi, in questo giorno.
La giornata del 25 Aprile, da cui è scaturita la nostra libertà e la nostra democrazia, non può e non deve essere  solamente una commemorazione, ma deve trasformarsi in pratica quotidiana di impegno e vigilanza in ogni momento della nostra vita e in tutti gli ambiti sociali, dai luoghi di lavoro a quelli dello studio e del tempo libero.
La libertà e la democrazia non sono conquiste sicure, ma vanno difese costantemente e con impegno, all’interno della società civile, perché c’è sempre qualcuno che intende svuotarle di significato e valore. La Crisi (che non è solo economica, ma valoriale ed etica) potrebbe lo strumento per chi intende agire una regressione democratica generale.
Le lame con cui hanno fregiato la bacheca dell’ANPI a San Lorenzo in Campo stanno a ricordarci la gravità dell’emergenza democratica in cui versiamo. Ne più e ne meno della distorsione dell’esigenza di “sicurezza”, dell’etnicizzazione della devianza, la fomentazione di odio, intolleranza e divisione, e rigurgiti di xenofobia della stessa matrice sia che si tratti di quello di strada che di palazzo…
L’antifascismo non è riuscito a diventare un principio d’identità e patrimonio collettivo, non si è radicato e diffuso tanto da diventare pratica di vita quotidiana in grado di orientare tutte le nostre scelte.
Esso non è solo memoria storica di fatti eroici e dolorosi ma presa di coscienza dei valori civili e di libertà. Quello della memoria storica deve comunque essere un esercizio da fare sempre e comunque.
A più di 60 anni dall’entrata in vigore della Costituzione, dovrebbe emergere necessario il bisogno di “una rinnovata Resistenza”, cioè di una lotta da parte di tutte le forze democratiche affinché vengano raggiunti principi fondamentali e fondanti quali:
– il diritto al lavoro e a un reddito dignitoso;
– l’uguaglianza dei cittadini senza distinzione di sesso, razza, religione, credo politico e condizione sociale;
– la difesa della cultura e dei diritti;
– la difesa e la salvaguardia dell’ambiente e del territorio in cui viviamo.
Ognuno da solo non può fare molto, ma insieme, sorretti dalla memoria dei fatti e dai comportamenti quotidiani possiamo ostacolare e avere la meglio sulla disattenzione e la dimenticanza.

25 Aprile 1945, 25 Aprile 2009, 25 Aprile…SEMPRE.

Associazione Nazionale Partigiani d’Italia Valcesano
Squola Spa

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:10.0pt;
font-family:”Times New Roman”;
mso-ansi-language:#0400;
mso-fareast-language:#0400;
mso-bidi-language:#0400;}


Leave a Reply