MOSTRA “GRAFICI PER LA DEMOCRAZIA” 23-25 APRILE 2010

In occasione del 65° anno della Liberazione25 APRILE 2010
L’ANPI VALCESANO organizza la mostra

GRAFICI PER LA DEMOCRAZIA
 
23, 24 e 25 Aprile 2010
presso le sale del Foyer del teatro “Mario Tiberini” di San Lorenzo in Campo (PU)
con la collaborazione del GAM ONLUS di Pergola, del Centro Servizi per il Volontariato Pesaro e il patrocinio del Comune di San Lorenzo.
Inaugurazione venerdì 23 aprile ore 15.00
alla presenza del preside dell’ISIA di urbino Pieraccini, del Presidente ANPI Pesaro Urbino Scherpiani, del Sindaco di San Lorenzo Di Francesco

Grafici per la democrazia è il titolo della mostra che verrà allestita nelle Sale del Foyer del teatro “Mario Tiberini” di San Lorenzo in Campo nei giorni 23, 24 e 25 Aprile 2010 organizzata dall’ANPI PESARO URBINO Sezione Valcesano in occasione del 65° anniversario della Liberazione con la collaborazione del GAM ONLUS di Pergola, del Centro Servizi per il Volontariato Pesaro e il patrocinio del Comune di San Lorenzo.

Gli studenti del II° anno del Biennio specialistico dell’ISIA di Urbino (www.isia.it) che hanno realizzato la mostra GRAFICI PER LA DEMOCRAZIA, hanno tradotto l’esperienza di vita di nove grafici eccellenti coniugando, in un mix assai efficace, la lezione civile e quella artistica, interpretando ed attualizzando il loro messaggio.

Attraverso il progetto di 9 libretti si indagano le vite e i progetti degli italiani  Albe e Lica Steiner, Remo Muratore, Aldo Novarese, Luigi Veronesi, Attilio Rossi, Germano Facetti, accostate a quelle degli olandesi N. H. Werkman, Willen Sandberg e del tedesco John Heartfield, che dal giugno del ’43 con l’arrivo degli alleati e l’incalzare dei massacri tedeschi, sentirono il dovere di aderire al movimento resistenziale mettendo a disposizione della stampa clandestina la loro esperienza professionale.

Nella mostra un ampio settore è stato dedicato alla Scatola Gialla, una piccola scatola di carta fotografica Kodak, dove Germano Facetti, che nel ’60 approderà come art director alla Penguin Books, racchiuse disegni e immagini degli orrori vissuti a Mauthausen – Gussen dove fu deportato  appena diciassettenne e dove visse l’esperienza del campo di concentramento. Una testimonianza di cui Facetti non parlò mai. Riaprì la scatola gialla solo negli ultimi anni della sua vita e accettò di raccontare l’esperienza della deportazione nel documentario The yellow box. A History of hate di Tony West. Il filmato andrà a ciclo continuo durante tutto il periodo della mostra.

Questo materiale storico proviene dalla mostra “®esistere per immagini, Germano Facetti dalla rappresentazione del lager alla storia del XX secolo” prodotta dal Museo diffuso della Resistenza e della Deportazione, dei Diritti e della Libertà di Torino realizzata a cura dell’Istituto Piemontese della Resistenza “Luigi Agosti”.

La mostra resterà aperta al pubblico nei giorni 23/24/25 aprile dalle ore 15.00 alle ore 19.00 (su richiesta sarà possibile anche un apertura al mattino per le scuole).

Ingresso libero.


Comments are closed.