25/4 Azione “Zappatista” dell’ (L’)ORDA ANOMALA

letame ai mafiosi

Anche quest’anno è stata “irritualità” della non-ricorrenza la cifra politica che ha caratterizzato la giornata di mobilitazione del collettivo animatore dello SpazioPubblicoAutogestito Squola di Via Vittorio Arrigoni 1 a Pergola, nel giorno che celebra la Liberazione dal nazi-fascismo. I militanti hanno deciso di sanzionare il cantiere (infinito, nella migliore tradizione italica) che dovrebbe ospitare un fantomatico impianto per la produzione di “ortaggi idroponici”, mostro industriale che nella fervida fantasia criminale dei progettisti, dovrebbe essere alimentato con l’energia elettrica prodotta da un “digestore” di rifiuti organici.  In buona sostanza è l’ennesimo tentativo di estorcere denaro pubblico proveniente dagli “incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili” .  Un grande immondezzaio destinato alla produzione di energia elettrica, in un area incontaminata posta tra i comuni di Pergola e Cagli (loc. Serraspinosa) con la “copertura formale”  di una serra in cui i broccoli vengono coltivati nell’acqua. Le dimensioni della struttura e le notizie che circolano tra gli agricoltori riportano che, “l’immondezzaio elettrico”, verrebbe alimentato con coltivazioni apposite da realizzare nell’area e che, non essendo adibite ad uso umano e animale, sarebbero esonerate dagli obblighi nazionali e comunitari sugli standard qualitativi.. In sostanza OGM.

Il mandante di tale scempio ambientale, per quanto mascherato nel classico gioco di “scatole cinesi societarie” è ben conosciuto: sono quei occulti poteri che si celavano dietro “le fattorie del Vento” società fittizia, intenzionata a trasformare i “Piani Rotondi”, tra le frazioni pergolesi di Monterolo e Montevecchio, in parco eolico dove avrebbero dovuto pascolare oltre 10 mulini a vento alti 140 metri, scempio a targa PD, scampato solo a seguito di una dura e vittoriosa lotta popolare.  Sempre della stessa origine politica il combinato disposto giuridico amministrativo che, scippando all’autodeterminazione dei territori il proprio modello di sviluppo, permette la realizzazione: il famigerato “Sblocca Italia” che annientando decenni  di legislazioni a tutela dell’ambiente, danno il via libera agli speculatori delle “grandi e piccole opere”.

Come in un filo rosso di memoria che ci unisse ai guerriglieri che liberarono l’Italia nel 1945, la mattina del 25 aprile siamo voluti entrare da Liberi in Azione: 3 quintali di biologicissimo letame sono stati scaricati  davanti ai cancelli della struttura e in quel fertile humus i militanti hanno piantato dei tradizionali ortaggi come zucchine pomodori cetrioli.  Un gesto simbolico di ostilità contro gli speculatori dell’ambiente e gli scippatori di democrazia, ma deve essere considerato solo un inizio. Come i nostri nonni cacciarono fascisti e nazisti, siamo pronti a lottare contro gli speculatori criminali e i loro padrini politici. L(‘)ORDA ANOMALA è PARTITA: siamo  pronti a riprenderci il FUTURO.

Dagli incentivi economici non nasce niente..dal letame nascono i fiori

SpazioPubblicoAutogestito Squola

Pianeta Terra


Comments are closed.