RONDE PADANE E VERNACOLIERE

L’ora è grave
LA PATRIA CHIAMA
Vieni anche te nelle
ronde cittadine !
Onni 10 negri bastonati
UN ROM
DA SCOIARE
VIVO
E in più, quarche finocchio
da ‘nculà sur posto !

I generosi figli d’Italia stanno già rispondendo a frotte all’appello
della Patria! Da Padova a Bologna, da Parma a Firenze, da Frosinone a
Bari, schiere di giovani e meno giovani, ricchi e poveri, corrano a
‘scrivessi nelle ronde cittadine, chi ‘nneggiando ar Duce e chi ‘nvoando
giustizzia e libertà!

Sì, perché oramai la sagrosanta lotta popolare ar crandestino ‘un
conosce più confini! ‘Un c’è più destra né sinistra, in quest’ora così
grave! Ir nemico è alle porte, anzi è digià dentro e ci sguazza ‘ome ni
pare!

Millioni di delinguenti venuti da difori fanno oramai ‘r comodaccio suo
in casa nostra: spacciano, rubano, sfruttano i figlioli e la
prostituzzione, stuprano, s’accampano sotto ‘ ponti, pisciano su’ muri,
pregano a buoritto, affittano le nostre ‘ase, broccano i semaferi,
‘nzomma sono la rovina dell’Italia!

Artro che mafia ‘ndrangheta e camorra! Artro che spazzatura a Napoli!
Artro che i più di mille morti sul lavoro all’anno! Artro che nugoli di
disoccupati e sfrattati e stipendi e penzioni da morì di fame! Artro che
case e macchine di lusso e vaànze alle Mardive di gente che ‘ vaìni ni
sortano dall’occhi ma dichiarano meno dell’urtimo operaio! Artro che
cocaina perfino nelle scole e ora addirittura nelle fàbbrie!

Quella è robbaccia ma armeno è tutta roba nostra! Lì chi c’ingrassa è
tutta gente della nostra socetà, e mìa gentaccia ‘osì alla bona! C’è
fiorfiore anche di banchieri e di professionisti, di politici e di
religiosi, di laureati e perfino varche gentilomo della nobirtà! Con chi
me li vorreste paragonà, colli zingari o co’ marrocchini?!

E’ la delinguenza dell’artri ‘r probrema vero! E menomale che
quest’infamati ‘un si sono ancora ‘nfilati ne’ partiti, perché allora sì
che ‘r controllo dello Stato passava tutto a loro! No, mia per nulla, ma
me lo vedi te un partito negro che si vole spartì ‘r malloppo pùbbrio
co’ partiti bianchi?! E le tangenti come niele dai, colle buste ‘olorate?!

Ma ora basta, seddiovole! Ora la festa è finita, come dice perappunto
Gasparri! Ora tutti fori da’ ‘oglioni, devano andà! Ora c’è la destra ar
governo, seddiovole, ora c’è la Lega coll’èchisse facisti a da’ manforte
a Berlusconi, ci penzano loro vedrai a ‘un falli più arrivà i barconi di
quell’affamati sulle nostre ‘oste! ‘Un ti dìo sparanni, sennò poi li
spagnoli ci dìano razzisti, ma ‘nzomma a riva ‘un ce li fai arrivà! Ni
toccherà magari notà parecchio per ritornà alle su’ ‘apanne, ma alla
fine la devano ‘apì!

E per tutti vell’artri che son digià sur nostro sacro sòlo, ci penzano
vedrai le ronde a fanni ‘apì che vento tira! E siccome di cittadini co’
bastoni per la strada a convince’ quella brutta gente a sta’ bona e
zitta ce ne vole propio tanti, e non sortanto per bastonà ma anche pe’
spiegà che chi vole seguità a lavorà ‘n nero a tre euri l’ora lo por fa’
ma dopo lavorato se ne deve ritornà ne’ su’ tuguri senza mette’ ‘r capo
fori, e s’un lo ‘apisce allora le bòtte te le leva dalle mani, ecco la
promessa della Patria a’ su’ volontari: a chi viene nelle ronde, onni
dieci negri bastonati ni sarà dato ‘n premio un ròmme da scoiare vivo!

Che ‘un sarà propio come danni fòo all’uso der Cruscruccrà
dell’ameriani, ma ‘un si pòle mia arrivà al livello di quella civirtà
dall’oggi all’indomani!

A onni modo, per chi propio ‘un s’accontentasse, come ciliegina sulla
torta i volontari delle ronde potranno anche ‘nculà quarche finocchio
trovato per la strada! Così ‘mparano, anche loro, a penzà di fassi ‘
‘azzi sua!


Leave a Reply